Mastro-don Gesualdo

Mastro don Gesualdo Dopo i Malavoglia con Mastro Don Gesualdo Verga continua il suo ciclo dei Vinti In quest opera l autore siciliano racconta la parabola di Gesualdo Motta che da semplice muratore riesce a diventare un

  • Title: Mastro-don Gesualdo
  • Author: Giovanni Verga
  • ISBN: 9788804228936
  • Page: 449
  • Format: Paperback
  • Dopo i Malavoglia con Mastro Don Gesualdo Verga continua il suo ciclo dei Vinti In quest opera l autore siciliano racconta la parabola di Gesualdo Motta che da semplice muratore riesce a diventare un ricco borghese, dedicando tutta la sua vita alla roba.

    • ✓ Mastro-don Gesualdo || ☆ PDF Download by ✓ Giovanni Verga
      449 Giovanni Verga
    • thumbnail Title: ✓ Mastro-don Gesualdo || ☆ PDF Download by ✓ Giovanni Verga
      Posted by:Giovanni Verga
      Published :2019-06-04T12:16:17+00:00

    About "Giovanni Verga"

    1. Giovanni Verga

      Giovanni Verga was an Italian realist writer, best known for his depictions of life in Sicily, and especially for the short story Cavalleria Rusticana and the novel I Malavoglia.The first son of Giovanni Battista Catalano Verga and Caterina Di Mauro, Verga was born into a prosperous family of Catania in Sicily He began writing in his teens, producing the largely unpublished historical novel A e Patria Love and Country then, although nominally studying law at the University of Catania, he used money his father had given him to publish his I Carbonari della Montagna The Carbonari of the Mountain in 1861 and 1862 This was followed by Sulle Lagune In the Lagoons in 1863.Meanwhile, Verga had been serving in the Catania National Guard 1860 64 , after which he travelled to Florence several times, settling there in 1869.He moved to Milan in 1872, where he developed his new approach, characterized by the use of dialogue to develop character, which resulted in his most significant works In 1880 his story collection Vita dei Campi Life in the Fields , including Fantasticheria, La Lupa, and Pentolacchia most of which were about rural Sicily, came out it included the Cavalleria Rusticana, which was adapted for the theatre and later the libretto of the Mascagni opera Verga s short story, Malaria , was one of the first literary depictions of the disease.He then embarked on a projected series of five novels, but only completed two, I Malavoglia and Mastro Don Gesualdo 1889 , the latter of which was the last major work of his literary career Both are widely recognized as masterpieces.In 1894 Verga moved back to the house he was born in In 1920 he was elected a senator He died of a cerebral thrombosis in 1922.The Teatro Verga in Catania is named after him.In the book by Silvia Iannello Le immagini e le parole dei Malavoglia Sovera, Roma, 2008 , the author selects some passages of the Giovanni Verga novel I Malavoglia, adds original comments and Acitrezza photographic images, and devotes a chapter to the origins, remarks and frames taken from the immortal movie La terra trema 1948 directed by Luchino Visconti.

    449 thoughts on “Mastro-don Gesualdo”

    1. Don Gesualdo'yu okurken zihnim birbirinden farklı birçok esere seyahat edip durdu, metnin illa da metinlerarasılık kavramında okunmasına da gerek olmayan bu hali, eseri şimdiden okuma dünyamda çok kıymetli bir yere yerleştirdi. Ancak özet bir şekilde ele almak gerekirse, Don Gesualdo Usta 3 açıdan başarılı bir eser;1) Dönemsel açıdan: Kitabın zamansal arka planı olan 19. yüzyıl başları Avrupa'da soyluluğun halen daha revaçta olduğu ve bir tür güç devşirme aracı [...]


    2. The things you own end up owning you…Ο Μάστρο-Ντον Τζεζουάλντο, ένας νέος με πολλές ικανότητες θα επιδιώξει παρά την ταπεινή του καταγωγή να ανέβει σε οικονομικό και κοινωνικό επίπεδο χρησιμοποιώντας το επιχειρηματικό μυαλό του. Σε αυτή του την προσπάθεια θα βρεθεί αντιμέτωπος με ένα ολ [...]


    3. Mi piange sempre un po' il cuore le (rare) volte che abbandono un libro.Soprattutto se si tratta di un classico, di un romanzo che ha lasciato il segno.Ma i gusti sono gusti, e, nel mio mondo da lettrice, se uno scrittore ha scritto un libro che non mi soddisfa in nulla, beh, merita un'insufficienza o un abbandono, sia che si chiami Moccia o Dostoevskij: il nome a mio avviso non fornisce alcun alibi o giustificazione.E diciamocelo, il tizio in questione, che altro non che Giovanni Verga, a mio a [...]


    4. Verga’nın okuduğum bu ikinci eseri ilkinden daha da etkileyici. Olağanüstü bir çevirisi var, kitabı konuşma dili tadında okutuyor. Küçük yaşlardan itibaren çalışarak duvarcı ustalığından başlayıp mütehatliğe kadar yükselen Don Gesualdo’nun para, servet, mal ve mülk ile sınıf atlamasının daha doğrusu atlatılmamasının bir hikayesi kitabın özeti. Dönemin Sicilya’sı tıpkı önceki kitabı Malovoglia’larda olduğu gibi çok özenli, detaylı ve güzel an [...]


    5. Un personaggio in guerra contro il vecchio mondoMastro Don Gesualdo è uno dei personaggi più straordinari della letteratura.Verga, nel descrivere la nobiltà siciliana è impietoso: ci mostra una combriccola di inetti, irresoluti, imbranati e ignoranti che vivacchiano a scrocco e sono pronti a tutto pur di non lavorare.Mastro Don Gesualdo, con la sua etica del lavoro, svetta su tutti, prototipo della modernità.Mastro Don Gesualdo mi è stato raccontato da un insegnante di liceo come un Don Ar [...]


    6. Qualcuno spenga le note a piè di pagina!!Il romanzo è noto.Meglio o peggio de I malavoglia? Per quanto senso abbiano queste classifiche (assai poco), il Mastro dimostra di sicuro più tormento, che di riflesso dalle vicende immaginarie riverbera nella sua forma, un'architettura ben più complessa che non quella in cui si mòveva Padron 'Ntoni e compagnia.Ma parliamo d'altro.Parliamo di quest'edizione di Mastro-don Gesualdo.Parliamone male.Parliamo delle note a pié di pagina che, al pari d'uno [...]


    7. Se l'avessi letto qualche anno fa probabilmente non lo avrei apprezzato tanto quanto l'ho apprezzato oggi, Verga, infatti, è uno di quegli autori che, ai tempi del liceo, ho proprio odiato. Provando a leggere "I Malavoglia" più volte, altrettante volte l'ho abbandonato dopo pochissime pagine. Negli ultimi anni però ho provato a rivalutarlo, prima con "Storia di una capinera" e adesso con "Mastro-don Gesualdo", un romanzo molto godibile con protagonisti ben descritti, quasi vivi, e inseriti in [...]


    8. Mastro Don Gesualdo è un classico.Un pezzo di storia della letteratura italiana.In esso seguiamo la vicenda personale del protagonista:conosciamo la sua ingordigia di benestante nato povero che accumula i beni (la roba)senza saperne godere;il conflitto generazionale che si sviluppa nell'ottica della famiglia patriarcale tra lui e il padre,e che impedisce l'instaurarsi di un normale rapporto affettivo fra i due;il subordinare agli interessi economici l'unico sentimento sincero che egli ha nella [...]


    9. Non sapevo cosa leggere, così mio figlio ha scelto per me, un po' a caso. Avevo già letto il libro quando andavo a scuola e mi ricordavo che non mi era piaciuto molto, be' mi sono ricreduta. Pieno di personaggi che ho faticato non poco ad inquadrare, ma tutti importanti ed indispensabili, descritti così bene che mi sembrava quasi di vedere un film. Un tema comunque attuale, l'amore verso i beni materiali (la "roba"), la lotta per l'ascesa sociale, la solitudine. Consigliatissimo!


    10. Concepito come evoluzione della novella La roba, il romanzo ci presenta una storia di sacrifici in cui la "religione della roba" si scontra con la difficoltà affettiva: anche se la lettura non mi ha entusiasmato (ho decisamente preferito I Malavoglia, è fuor di dubbio che Mastro Don Gesualdo riveli la piena maturità della riflessione narrativa di Vergahenaenoctua2013/


    11. It wasn't THAT bad, but probably I read it at the wrong time. Plus it made me go into a reading slump. I will probably continue reading the last pages another time


    12. Ho trovato un'edizione di Mastro-don Gesualdo (per la verità non troppo splendida) che contiene sia la raccolta delle puntate uscite su Nuova Antologia nel 1888 sia la versione definitiva edita poi nel 1889. Leggendo un po' dell'una e un po' dell'altra ci si accorge facilmente di come nella stesura finale sia stato fatto un notevole labor limae per rendere il romanzo sia più adatto ad una lettura continuativa, sia più maneggevole: si fatica non poco a seguire la trama e il filo dei dialoghi n [...]


    13. Questa lettura risale ai tempi del liceo e più precisamente all'estate di passaggio tra il quarto e il quinto anno. In genere i libri imposti dai professori risultano ostici questo invece l'ho semplicemente adorato!Mi ha aiutato molto a capire e a studiare Giovanni Verga, il suo modo di scrivere, il suo modo di vedere le cose e, perchè no, anche una sorta di simbologia, se così si può chiamarla, che utilizza.Ricordo ancora, a distanza di anni, la professoressa che ci spiegava questo libro, c [...]


    14. It has been a while since I read an Italian book in Italian and this is one of those classics that had eluded me.I really enjoyed it even though the style of 19th century Italian writing was sometimes a bit of a struggle. Saying that I came across many expressions long forgotten that took me back to my school days, one of my favourite for crawling on all fours "andava bocconi". Again the writing was very tight in this version. The old way of writing dialogue on the same line as description as th [...]


    15. Non mi aspettavo proprio di diventare una fan di Verga!Invece, già 'I Malavoglia' mi era piaciuto molto, ma 'Mastro Don Gesualdo' è proprio bellissimo. Sembra di 'leggere' un film, dove ogni capitolo è una scena, brulicante di personaggi e di comparse, dove non c'è solo il protagonista, ma un coro di voci, come nella realtà.


    16. Het tweede deel van Giovanni Verga's onvoltooide romancyclus 'De Overwonnenen' gaat over de wederwaardigheden van de 'nieuwe rijke' baas don Gesualdo. Het is een prachtige schets van de Siciliaanse samenleving rond de Italiaanse eenwording, en van de maatschappelijke weerstand tegen mensen die proberen hun eigen klasse te ontglippen en over te stappen naar een hogere klasse. Een weerstand die de ontsnapper-indringer aan beide zijden op moeilijkheden komt te staan.Baas Gesualdo Motta, de rijkste [...]


    17. Mastro-don Gesualdo, un classico del Verga.È il secondo romanzo del ciclo dei vinti, ambientato in Sicilia, nella prima metà dell'Ottocento. Il protagonista è mastro-don Gesualdo. È un uomo ingordo, che vuole arricchirsi. Lavora senza sosta in ogni condizione climatica e riesce piano piano ad accumulare la sua "roba". Sposa una nobildonna, Bianca, con cui però non avrà un bel rapporto. Da lei ha una figlia, Isabella, in cui ripone le sue speranze per arricchirsi ancora di più, e che quind [...]


    18. Giovanni Verga did not write of heroes and main characters; he was interested in communities, "Mastro Don Gesualdo" bursts with characters. To the degree that it has a hero, that role is filled by the title character, a self-made man in a small, too tightly-knit town. This is not Horatio Alger country, though. Verga's characters are victims of fate, and Don Gesualdo comes to a bad end. Perhaps it is less accurate to describe Don Gesualdo as a victim of fate than of the envious community, financi [...]


    19. Gesualdo, detto Mastro Don, è un uomo che si è costruito da sè, trasportando pietre sulla schiena, fino a quando non ha messo mano ai primi affari. La vita ne ha fatto un uomo acre e avaro, più attaccato alla sua roba che alla famiglia, che non fa nulla per farsi ben volere; il fratello Santo è l'ombra si Gesualdo e la sorella è in linea con l'ignoranza che popolava le classi più povere dell'epoca. Il padre stesso di Gesualdo non fa eccezione e non perde occasione per rinfacciare al figli [...]


    20. Ho letto questo libro perché il mio professore di italiano mi ha imposto consigliato di farlo, ma francamente non l'ho sentito troppo come una imposizione.Mastro Don Gesualdo è uno dei maggiori capolavori di Verga, sicuramente uno dei più importanti romanzi italiani, ma credo anche che non sia alla portata di tutti: personalmente l'ho trovata una lettura interessante, ma spesso è stato difficile andare avanti, a causa di momenti non troppo entusiasmanti, per dirla con un eufemismo.Nonostante [...]


    21. Gesualdo Motta ammazzandosi di fatica fin da ragazzo, senza concedersi che qualche ora di sonno e un piatto di minestra ogni tanto, riesce ad affrancarsi dalla povertà che lo circonda e diventare un proprietario temuto e invidiato, ma il giorno in cui si fa convincere a sposare per interesse Bianca Trao ultima discendente di una famiglia aristocratica decaduta, sognando di imparentarsi con quelli che contano, firma invece la sua lenta ma inesorabile condanna personale e sociale: mai amato dalla [...]


    22. Ho avuto difficoltà a leggere questo romanzo. Non per il linguaggio ma per la storia in se. In un periodo di trasformazione, dove i titoli nobiliari lasciano il posto alla nuova borghesia che si arricchisce svetta la figura di mastro don Gesualdo. Da semplice manovale diventa negli anni un ricco possidente. Attirandosi così l’ira della vecchia nobiltà ormai in decadenza e l’invidia di chi come lui non è riuscito ad emergere. Intrighi, sotterfugi, omicidi (uno a dire la verità) appunto i [...]


    23. Decisamente meglio di Svevo e Gadda, Mastro-don Gesualdo è finalmente scritto come si deve, sia per lingua che per stile. Narra le vicende di un "signor nessuno", un poveraccio, che si è costruito la propria fortuna con le sue mani - con il duro lavoro - fino a entrare nella nobiltà cittadina grazie a un matrimonio.Com'è noto, le vicende del libro seguono la tematica della "roba" e dell'accumulo compulsivo, dell'attaccamento alle proprie ricchezze. L'unico "difetto" che non mi ha permesso di [...]


    24. ammetto di averlo dovuto leggere per dovere scolastico, ma mi è piaciuto abbastanza. non so voi ma a me mastro don gesualdo fa una pena assurda, quel povero cristo diventa ricco grazie alle sue sole forze e viene condannato dal suo paese. nonostante tutto è di animo buono e aiuta tutte quelle persone gelose e opportuniste. il personaggio di Bianca l'ho odiato profondamente, l'idea della donna che non riesce a dire neanche una parola senza svenire, sempre timorosa e spaurita mi fa davvero inner [...]


    25. Il prezzo della ricchezzaRaccontando l’ascesa sociale del protagonista da semplice muratore a nobile, passando da imprenditore e proprietario terriero, Verga si offre una duplice occasione. Da un lato di continuare e affinare il suo studio linguistico, assegnando ad ogni ambiente una parlata diversa, e dall’altro di continuare il ragionamento sulla dualità tra la ricchezza terrena (la “roba”) e la ricchezza sociale, di chi è amato e benvoluto dal suo prossimo. Una buona lettura, in app [...]


    26. Ricordi di scuola, della mia maturità. Una lettura che fa riflettere, ora, più di allora. Una realtà che appare tristemente, e per tanti aspetti, ancora attuale. Una lettura che 'scorre', anche a voce alta. Una lettura che si può ascoltare su Librivox grazie a lettori volontari.


    27. Mastro Don Gesualdo era una lettura che volevo fare dai tempi del liceo, quando studiando Verga venni colpita subito dalla storia, ma poi per un motivo o per un altro rimandavo sempre. Ora invece eccomi dopo aver finalmente letto questo splendido romanzo che non ha per niente deluso le mie aspettative create nel corso degli anniiamabililibri/2015/11/1


    28. Ho letto i Malavoglia - ai tempi del liceo a dire il vero - e non mi è proprio calato.Comunque, con le migliori intenzioni ho iniziato Mastro Don Gesualdo e ho miseramente fallito.Decisamente Verga non fa per me.E' che non posso fare a meno di considerare che mentre Verga scriveva questi romanzi, nel resto del mondo le medesime intenzioni letterarie partorivano dei capolavori assoluti.


    29. Mamma mia che fatica leggerlo!Credo di essermi addormentata ogni volta che lo leggevo.L'ho trovato talmente pesante che devo ammetterlo: ora, dopo averlo appena finito tutto, non ho capito quasi nulla della storia che ho letto


    30. Well, it was really ok, but somehow, I couldn't work out any connection to the protagonist and am as neutral as could be, could neither fear with him nor share any other feelings - not even feel in the opposite way. The story itself however was really interesting.


    Leave a Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *