Canti del caos

Canti del caos Questo romanzo stato scritto nell arco di quindici anni e assume la sua forma definitiva soltanto adesso ora che la terza e ultima parte si aggiunge alle prime due che videro la luce da Feltrinelli n

  • Title: Canti del caos
  • Author: Antonio Moresco
  • ISBN: 9788804584452
  • Page: 356
  • Format: Hardcover
  • Questo romanzo stato scritto nell arco di quindici anni e assume la sua forma definitiva soltanto adesso, ora che la terza e ultima parte si aggiunge alle prime due che videro la luce da Feltrinelli nel 2001 e da Rizzoli nel 2003.Del tutto rivisto nelle prime due parti, dunque, e finalmente concluso, Canti del caos si presenta in tutta la sua assoluta singolarit ConcepQuesto romanzo stato scritto nell arco di quindici anni e assume la sua forma definitiva soltanto adesso, ora che la terza e ultima parte si aggiunge alle prime due che videro la luce da Feltrinelli nel 2001 e da Rizzoli nel 2003.Del tutto rivisto nelle prime due parti, dunque, e finalmente concluso, Canti del caos si presenta in tutta la sua assoluta singolarit Concepito per non lasciare indifferenti, a costo anche di suscitare reazioni di rifiuto, questo romanzo si accampa come opera incandescente, vertiginosa, un opera che va a inscriversi immediatamente, di diritto, nel novero di quelle imprese estreme che come grandi massi erratici punteggiano la storia della letteratura.Canti del caos si andato formando nel corso del tempo come un organismo vivente, pieno di violenza ma anche di delicatezza e dolcezza, di oscenit ma anche di trascendenza, di passaggi narrativi incalzanti e di affondi lirici Nella sua gigantesca macchina realistica e metaforica vengono macinati e trascesi i codici, i generi e gli orizzonti letterari di questa epoca la fantascienza, il poliziesco, il comico, la pornografia, il fantasy, l horror, il romanzo d a, il saggio scientifico e filosofico, la meditazione religiosa e mistica Nelle sue pagine sfilano personaggi epici, grotteschi, enigmatici, indelebili un uomo che incendia le spore, un traslocatore, una musa, una ragazza dalle stampelle profumate, un ginecologo spastico, un gruppo terroristico, una donna dalla testa espansa, un papa che scioglie la Chiesa, uno stilista di nome Lupus, ragazze scartavetrate che esplodono come soli, storie d a tra persone increate, Dio che commissiona a un agenzia pubblicitaria la campagna per la vendita del pianeta TerraIl romanzo mondo di Antonio Moresco chiede molto al lettore, ma molto d in cambio una lettura avvincente, un percorso attraverso i grandi archetipi della letteratura dell Ottocento e del Novecento e la prefigurazione del nuovo millennio, la relazione intima e profonda che si instaura tra chi lancia una sfida e chi ha il coraggio di raccoglierla.

    • [PDF] Download ✓ Canti del caos | by ↠ Antonio Moresco
      356 Antonio Moresco
    • thumbnail Title: [PDF] Download ✓ Canti del caos | by ↠ Antonio Moresco
      Posted by:Antonio Moresco
      Published :2019-04-15T21:02:21+00:00

    About "Antonio Moresco"

    1. Antonio Moresco

      Antonio Moresco nato a Mantova nel 1947 e vive a Milano Tra i maggiori scrittori italiani, ha pubblicato numerose opere, ultime delle quali Lettere a nessuno Einaudi 2008 , Canti del caos Mondadori 2009 , Gli incendiati Mondadori 2010 , Gli esordi Mondadori 2011 , La parete di luce Effigie 2011 , Il combattimento Mondadori 2012 e La lucina Mondadori 2013 e Fiaba d a Mondadori 2014.

    393 thoughts on “Canti del caos”

    1. Pubblicato prima in due parti, poi ripubblicato in versione completa e poi finito fuori catalogo. Opera generata, non creata, invocazione e canto, comico dramma e catastrofe poetica."Tutta la mia persona trema in questi spazi strappati per azzardo, per sogno, venuta da un altro mondo, da tutt'altro mondo. Io salgo dalle zone negate, allontanate. Io sono la voce che non ha mai parlato. Il mio scrigno non è ancora stato scovato, è inviolato. Sono inclinato barbaricamente dentro lo spazio, seduto [...]


    2. Either you love it or hate it. I hated it so much I couldn't finish it. It was a challenge I did not want to take up till the end.


    3. Tanto ho amato "Gli Esordi" tanto ho avuto l'impulso in più momenti di lanciare questo libro fuori dalla finestra. Alla fine la media tra i momenti in cui la volontà di dedicarmi al “lancio del libro” era irresistibile e i momenti di inebetimento totale di fronte ad alcuni passi di rara bellezza mi porta ad assegnare al libro tre stelline e mezzo, anche se devo riportarne graficamente quattro (sento sempre più il bisogno delle mezze stelle, perché non le inseriamo?).Ma partiamo con ordi [...]


    4. Non ci sono vie di mezzopiù che una recensione, un collageCITAZIONE INIZIALE“Che triste paradosso, pensò Amalfitano. Neppure i farmacisti colti osano più cimentarsi con le grandi opere, imperfette, torrenziali, in grado di aprire le vie dell’ignoto.”(da “2666” di Roberto Bolaño)------------- Diario di lettura ------------------nota preliminare 1: I Canti si strutturano in 3 parti, I&II già pubblicate e qui riscritte assieme ad una III parte inedita, per un totale di oltre 1000 [...]


    5. E’ una sfida che viene lanciata al lettore più coraggioso, già in termini di mole, trattandosi di un’opera di oltre mille pagine, scritta nell’arco di quindici anni. E’ un testo difficile, estroso, a volte surreale, spesso crudo, carico di violenza e di invenzioni. Non si può parlare di un’unica storia ma di una deflagrazione di storie che a volte sembrano riunirsi per poi, improvvisamente, esplodere e allontanarsi più di prima. E’ un’opera immensa, scritta in maniera esemplare [...]


    6. Letto per un esame di Letteratura Italiana Contemporanea, non so veramente cosa mi abbia lasciato se non tanto orrore e la sensazione che la definizione di 'classico' sia quantomai un concetto illusorio, dibattuto e probabilmente meno condiviso tra critica e lettori di quanto non si pensi.Voglio poter dire che non mi è piaciuto anche se 'la storia della letteratura italiana passa da Moresco' (del quale, per altro, ho apprezzato infinitamente Lettere a Nessuno, quindi non ho nessun tipo di bias [...]


    7. E questa ostensione eterna di un canto di parole che appare sempre improvvisa pur nella sua estrema volontà di raccontare la necessità deiettiva della perpetuità dell’essere. Apparizione quasi liturgica, messa cantata di luoghi che stuprano parole, opere e omissioni di soggetti che ammantano i loro scheletri di una pelle scuoiata che mostra profonde ulcerazioni che sono dell’anima e del corpo nel contempo. Suono profondo, mistico, terminale. Vibrazione che emerge da un sottotraccia senza [...]


    8. Mi c'è voluto tempo per leggerlo, ma molto di più per digerirlo e valutarlo non è affatto cosa semplice. Ero e sono dibattuta tra l'apprezzamento dello sforzo e il riconoscimento del valore letterario, dell'apporto linguistico, del coraggio provocatorio del tema metaletterario, dell'approccio ultracontemporaneo e il ribrezzo. A distanza di tempo prevale il ribrezzo e rimane il rimorso d'averci dedicato tutto quel tempo, caparbia, intenzionata ad arrivare alla fine del fango, del sangue, dell' [...]


    9. E' stato un parto.Un parto di un figlio non voluto, con mille complicazioni e decisamente terminato in un'isterectomia.Personalmente avrei preso la terza parte e l'avrei data alle fiamme, ma i libri non si bruciano, quindi mi sarei limitata ad appoggiarla vicino al caminetto.Solo che l'ho preso in biblioteca e la bibliotecaria avrebbe preteso la restituzione del volume.Sì, va bene, non ho capito la genialità e blablablabla.Cercherò di farmene una ragione.Mi servirà almeno un anno di analisi, [...]


    10. Un capolavoro, nient'altro da dire. Tanta prosa contemporanea impallidisce se confrontata a questa scrittura originalissima, viva, massimalista.


    11. una dannata discesa agli inferi senza ritorno. il caos e la circolare creazione degli eventi che si generano in sè stessi attraverso un vortice di carne sangue sesso e merda.


    12. Una sfida un esperienza e una lettura a volte complessa. Da consigliare a chi si annoia molto nel quotidiano.



    13. This book is really full of shit. Literally. It smells of shit, its pages are made of shit, and its author love the word "shit".


    Leave a Comment

    Your email address will not be published. Required fields are marked *